Giuro di esercitare la medicina in libertà e indipendenza

Giuro di esercitare la medicina in libertà e indipendenza

Medici e industria

Marco Bobbio / Einaudi, 2004
Come ricercatori, medici, giornalisti, riviste, società scientifiche e associazioni di pazienti sono condizionati nelle loro scelte e decisioni dai finanziamenti elargiti dalle industrie che producono farmaci, protesi e servizi

Il giuramento di Ippocrate vincola i medici a operare secondo ‘scienza e coscienza’. Il conflitto di interessi tra medici e industria può minare questo impegno.

Il colossale mercato della sanità – nei suoi vari aspetti di intervento diagnostico, terapeutico e riabilitativo – tende a corrompere molti addetti ai lavori. Università e istituti di ricerca, medici e ricercatori, politici e amministratori, giornalisti ed editori rinunciano di fatto a difendere la centralità dell’ammalato per privilegiare l’interesse dell’industria e delle corporazioni. I conflitti di interesse si stanno diffondendo in modo tale da creare allarme da parte degli osservatori più attenti ai diritti della sanità pubblica. Il volume di Marco Bobbio descrive e approfondisce i vari aspetti del problema, con particolare attenzione al mondo del farmaco i cui prodotti sono spesso considerati beni di consumo anziché strumenti di salute. Il predominio del marketing si traduce in una distorsione delle conoscenze, che l’autore evidenza con competenza, lucidità e chiarezza.
Silvio Garattini
Direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri