Marco Bobbio

2 Comments

  1. Vittorio Fontana
    30 marzo 2019 @ 15:47

    Sarei interessato all’articolo.
    Quello dei medici che non credono ai pazienti, per non dire di quelli che li vedono come nemici, è un tema importante, penso ad esempio a tutti i disturbi etichettati come ‘funzionali ‘che per i più significa etichettare il paziente come un ‘rompicoglioni’ ( per carità ne esistono) affetto da un disturbo immaginario. Da lì alla comoda prescrizione di un antiansia o un antidepressivo è un attimo
    Grazie dottor Bobbio

    Reply

  2. elisabetta canitano
    31 marzo 2019 @ 14:51

    Eh è che ci capita fin troppo spesso di sbagliare….dovremmo poterci lavorare insieme

    Reply

Rispondi a Vittorio Fontana Close