Un medico sobrio, ma non rispettoso e giusto

John Mandrola, cardiologo a Louisville (Kentucky) dice di sé “sono preoccupato che gli sforzi di prevenzione possano essere esagerati, trasformando a volte persone sane in pazienti” e ha scritto un articolo (tradotto in italiano) su come deve essere un medico conservativo. I suoi concetti riguardano ciò che per Slow Medicine caratterizza un medico sobrio, ma unmedico slow deve anche essererispettoso e giusto. Secondo Mandrola un medico conservativo:

  • non è nichilista, apprezza il progresso, elogia gli avanzamenti scientifici che hanno permesso di curare e talvolta guarire malattie una volta letali;
  • riconosce che molti sviluppi, promossi come avanzamenti della medicina, offrono benefici che, al massimo, possono essere ritenuti marginali;
  • adotta terapie nuove nel momento in cui il beneficio è chiaro e le prove a supporto sono solide e prive di bias;
  • sa che, anche quando studi clinici mostrano che un farmaco, un dispositivo o un intervento chirurgico hanno raggiunto una soglia statistica, il beneficio reale che ne deriva per un individuo può essere molto inferiore rispetto a quello annunciato;
  • resite all’impulso di confondere i benefici che una terapia ha su una popolazione con quelli che ha su un individuo;
  • si preoccupa della crescente commercializzazione della medicina;
  • sostiene la medicina basata sulle prove di efficacia e la valutazione critica;
  • ha un grande rispetto per l’organismo umano;
  • riconosce che la nostra conoscenza e i nostri migliori modelli predicono solo raramente il successo di un nuovo intervento;
  • identifica il vero progresso medico come un processo lento e difficoltoso, soprattutto perché la natura ha equipaggiato il nostro organismo di proprietà curative intrinseche;
  • comprende quanto sia esiguo l’effetto che i medici esercitano sugli esiti clinici e ciò lo protegge dal suo più grande nemico: l’arroganza.

Tengo a disposizione i testi originali degli articoli che vengono citati. Per motivi di copyright non è possibile postarli. Se qualcuno fosse interessato a leggere l’articolo per intero, può richiedere il testo in formato elettronico per uso personale, usando l’indirizzo di posta in fondo al sito.